la-sala-assemblee-con-laffresco-degli-alberti-e-le-pale-di-giorgio-vasari

Teatri, concerti e soprese… #Bellastoria!

“Il Teatro? #Bellastoria!”

13 spettacoli, 2 concerti e 7 partner per un cartellone che si articolerà tra fine gennaio e inizio aprile 2017 su 103 giorni. Sono questi i numeri di “Il Teatro? #Bellastoria!” il nuovo progetto ideato e promosso da Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e dedicato alla diffusione del teatro rivolto ai giovani tra i 16 e 21 anni.  “A teatro c’è sempre una bella storia da raccontare” spiegano gli organizzatori e ideatori dell’iniziativa che è unica in Italia e che coinvolge sei teatri di Firenze e un’agenzia di produzione concerti in un cartellone unico per avvicinare i giovani tra i 16 e i 21 anni al mondo del teatro.

Come funziona Il Teatro? #Bellastoria!

A partire dal 7 dicembre alle ore 15, ha spiegato il Direttore generale di Fondazione CR Firenze Gabriele Gori, sul sito www.ilteatrobellastoria.it sarà possibile acquistare l’abbonamento speciale che, con soli 28 euro, consentirà ai nati tra il 1996 e il 2001, i cosiddetti millennials, di vedere 6 spettacoli di teatro e un concerto pop a scelta tra quello di J-AX & Fedez (15 marzo 2017) e Marra/Guè (16 febbraio).
I 6 spettacoli inclusi nell’abbonamento potranno essere scelti tra 13 spettacoli messi a disposizione dai 6 teatri partner dell’iniziativa: Opera di Firenze Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra della Toscana, Teatro della Toscana (Pergola e Niccolini), Teatrodante Carlo Monni, Teatro di Rifredi e Teatro Puccini. Ciascun abbonato potrà selezionare 1 spettacolo per teatro e soltanto 1 dei due concerti messi a disposizione dall’agenzia di produzione concerti PRG.
Gli spettacoli proposti spaziano dalla narrazione, alla musica classica, al balletto, in modo da compilare un’offerta che possa racchiudere tutti i diversi generi che possono essere rappresentati.

Il Teatro? #Bellastoria! ha l’obiettivo di avvicinare i giovani al teatro, creare un contatto diretto tra il loro mondo e le mille realtà che si possono vedere, ascoltare e immaginare sulla scena.
”Questo progetto – osserva il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze Umberto Tombari – è in linea con l’attenzione che la Fondazione sta dedicando ai temi dell’educazione e dei giovani, in questo caso sotto una forma certamente originale. Crediamo infatti che stimolare le nuove generazioni a frequentare il teatro sia una modalità efficace e complementare con altre iniziative che stiamo attuando secondo i canoni tradizionali. Da poco abbiano inaugurato la prima edizione della Biennale della scuola che ha già ottenuto importanti riconoscimenti dagli operatori del settore. Questo progetto, e la relativa campagna di comunicazione che utilizzerà in modo massiccio i social, è per la Fondazione anche un’importante occasione per avvicinare i giovani col ‘mondo’ della Fondazione. La varietà e la vivacità del tessuto teatrale fiorentino ci aiutano in questa azione e siamo convinti che potremo far entrare in una sala anche persone che non lo hanno mai fatto prima d’ora. Se ci riusciremo, anche per una piccola quota, sarà per noi motivo di soddisfazione e un segno tangibile della efficacia del progetto”.

No Comments

Post A Comment